Cosè il content marketing realmente?

Il content marketing si è dimostrato indispensabile nel mondo odierno, in particolare nel marketing b2b.

Ma molti marketer faticano a comprenderlo e ad usarlo.

Creare contenuti vuole dire pianificare, sviluppare, produrre e misurare i risultati, questo può sembrare complesso e di difficile comprensione.

Ed è vero,attuare tecniche di content marketing è sicuramente complicato.

Se fate fatica a comprendere il content marketing e non vi spiegate perché inserirlo nelle vostre spese, questo articolo fa per voi.

 

Perché iniziare con il content marketing?

Perché?

perchè il viaggio d’acquisto del cliente è cambiato, l’evoluzione delle tecnologie digitali social hanno fatto si che si trovino informazioni in abbondanza e in modo molto più facile e i tuoi clienti con ongi probabilità useranno prima questi canali per informarsi.

Hai intenzione di fare avere ai tuoi clienti informazioni utili riguardo al tuo business?

O preferisci lasciare uno spazio vuoto che verrà riempito in ogni modo da contenuti dei tuoi competitor.

Non solo,non avendo presenza puoi lasciare spazio a informazioni negative o false riguardo alla tua attività.

 

Non compri spazi pubblicitari senza avere delle pubblicità da inserire. 

E non inizi a produrre contenuti se non sai quale sia l’utilità finale.

Content marketing riguarda solamente i tuoi clienti.

Lo ripeto…crei contenuti che i tuoi clienti vogliono e di cui hanno bisogno.

Lo scopo è creare contenuti di qualità che informino i tuoi clienti e che siano indispensabili e preziosi, in modo da guidare il traffico e instaurare fiducia nel tuo brand.

Ci sono diversi modi per capire cosa vogliono i tuoi clienti,quindi struttura i tuoi contenuti in modo da massimizarne la performance.

Presta attenzione in modo particolare ai contenuti social, è stato provato che sono quelli che incrementano la riconoscibilità del brand, traffico e rateo di conversione.

 

Da dove iniziare con il content marketing?

Dai un occhiata ai tuoi obbiettivi marketing.

Stai cercando di incrementare sing up al sito?

Abbassare le lamentele dei clienti?

Studia la tua audience e capisci come creare contenuti che siano di aiuto e che dimostrino come la tua offerta incontra le loro necessità.

Il risultato delle azioni dei tuoi clienti dovrebbero allinearsi con i tuoi obbiettivi.

Per esempio se volete diminuire il volume del call centre potreste prendere in considerazione di creare la top 10 domande frequenti.

Se fatto bene e distribuito correttamente tramite i canali social i tuoi clienti saranno in grado di aiutarsi da soli alleviando la pressione sui call centre.

 

Pianificate in anticipo e creare dei budget per la produzione dei contenuti.

 

Prendi un calendario prendi il tuo piano marketing e guarda cosa hai bisogno di raggiungere l’anno prossimo,mese dopo mese,quadrimestre dopo quadrimestre.

Ora che conosci i tuoi obiettivi cerca di metterti al posto dei tuoi clienti,cosa stanno cercando?

Basati sulle loro effettive necessità,inizia a pianificare contenuti che dimostrino come quello che hai da offrire può incontrare e risolvere problemi e frustrazioni dei tuoi futuri clienti.

Per audience b2b sarà più difficile,avrai bisogno di più contenuti per lo stesso argomento.

Il nostro consiglio è quello di iniziare in grande.

Progetta quadrimestre dopo quadrimestre in modo che tutto ciò che produci abbia la stessa impostazione e risulti riconoscibile e coerente.

Calendarizza i contenuti insieme alle campagne pubblicitarie in modo da pianificarne la distribuzione.

Continua a diversificare la produzione di contenuti riguardo ai singoli argomenti.

Se continuerete cosi prima che ve ne accorgiate vi troverete un calendario marketing fatto e finito.

Le componenti fondamentale sono le risorse e il budget.

Se non puoi produrli “in casa” (e molti non possono) cerca compagnie che possono farlo come,ci sono molte agenzie con ottimi prezzi e capacità in tutta italia.

Anche il SEO è una componente fondamentale al fine di creare visibilità per i tuoi contenuti,quindi investi anche in questo.

Le piattaforme social danno un chiaro messaggio ai marketer “abbiamo la quantità e un prodotto che è in grado di raggiungere ogni segmento di clientela ad un costo ragionevole”.

Quindi il compito dei marketer ritorna ad essere quello di creare contenuti che catturino l’attenzione e raggiungere gli obbiettivi del brand,qualsiasi essi possano essere.

 

Misura le performance dei tuoi contenuti.

Ricordate come avete creato i contenuti intorno agli obiettivi?

Puoi controllare ogni risultato e raccogliere dati per formare report.

Solitamente questo implica la necessità di usare altra tecnologia, come google analytics, clicky, kissmtrics, woopra, mixpannel.

Quando comunichi su i social inserisci sempre codici di rintracciamento nei tuoi link questo tramite l’uso di altri programmi fornendoti report sui click e sull’engagemt che i tuoi link hanno riscontrato.

Una volta che avrai costituito una base solida potrai iniziare a integrare programmi più sofisticati, in modo da avere sempre informazioni utili per poter capire la tua audience al meglio.

Più pubblicherai e più dati e risultati avrai, quindi inizia a farlo.

 

Content marketing richiede tempo e denaro. 

Ogni marketer sa che il panorama è in continuo cambiamento.

Content marketing non è una pozione miracolosa.

Funziona perché richiede una notevole quantità di informazione e impegno, ma crea qualcosa di utile e di valore per la tua audience, questo gli farà decidere se comprare o non comprare da te, usare il tuo servizio o qualsiasi sia il tuo obbiettivo.

In poche parole il content marketing è uno strumento che funziona.

La domanda è perche non dovremmo usarlo?

Successivo UN MONDO BLU